PROGETTI
I progetti sostengono l’inclusione sociale, economica e culturale di 40 rifugiati e titolari di protezione sussidiaria provenienti per lo più da Somalia, Eritrea, Etiopia e Sudan in diversi comuni del territorio piemontese.

RIFUGIATI E TITOLARI DI PROTEZIONE SUSSIDIARIA
Un volto dell’immigrazione
Tra le ragioni che con sempre maggiore frequenza spingono molte persone ad abbandonare il paese d’origine Rientra la fuga da contesti di guerra da situazione di persecuzione, tortura, violazione dei diritti umani. Approdate in Italia e superato un complesso iter giuridico queste persone possono vedere riconosciuto lo status di Rifugiato o di Titolare di Protezione Sussidiaria, Ottenendo così il permesso di soggiorno e venendo equiparate ai cittadini italiani in termini di diritti e servizi offerti

Il rifugiato
E’ colui che temendo ha ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartamento ad un determinato gruppo sociale, o per le sue opinioni politiche si trova fuori dal paese di cui è cittadino e  non può o non vuole a causa di questo timore avvalersi della protezione di questo paese; Oppure che non avendo la cittadinanza o trovandosi fuori dal paese in cui aveva residenza abituale seguito di siffatti avvenimenti, Non può o non vuole tornarci per il timore di cui sopra.
Art 1 della Convenzione di Ginevra del 1951

Il titolare di protezione sussidiaria
E colui per cui sussiste un fondato motivo di ritenere che se tornasse nel Paese di origine correrebbe il rischio effettivo di subire un grave danno.

PARTNER
Associazione gruppo Abele, Consorzio Abele lavoro, Consorzio Self, Cooperativa Crescere Insieme, Cooperativa Sociale O.R.So (capo fila), Ufficio Pastorale Migranti

LA RETE ISTITUZIONALE
Prefettura di Torino, Regione Piemonte, Provincia di Torino, Provincia di Cuneo, Comune di Alba, Avigliana, Bra, Fossano, Grugliasco, Sommariva Bosco

IL MODELLO DI LAVORO
Professionalità integrate, coinvolgimento di diversi comuni piemontesi, pluralità di attori del pubblico E del privato sociale su questi capisaldi si basa il modello di lavoro proposto

TEMPI
Luglio 2010 – Giugno 2011

CHE COSA OFFRE IL PROGETTO

  • Accompagnamento sociale e abitativo
  • Assistenza e babysitteraggio per minori
  • Formazione linguistica
  • Orientamente accompagnamento al lavoro
  • Riconoscimento di titoli di studio
  • Erogazione di cure mediche riabilitativa

Contributi per: Spese di vitto e alloggio- attivazione borse lavoro

CHE COSA SI CHIEDE AL TERRITORIO

  • Disponibilità ad accogliere
  • Messa a disposizione di alloggi o strutture per l’accoglienza in autonomia di piccoli gruppi
  • Contatto con il mondo associativo e del volontariato
  • Supporto dell organizzazione di un evento di sensibilizzazione della comunità

RIFERIMENTI
Cooperativa Sociale O.R.So
(Marco Canta e Simona Sordo)
Via Bobbio 21\a – 10141 Torino
Tel 011 38 53 400 – Fax 011 38 27 054

Canta@cooperativaorso.it – Sordo@cooperativaorso.it